Malghe in Friuli: dove andare

Una lista delle malghe presenti nella nostra regione da visitare almeno una volta

In provincia di Udine ci sono diverse malghe da poter visitare in compagnia di amici o di familiari. Queste strutture sparse per le montagne friulane, infatti, permettono di passare delle giornate immersi nella natura, tra animali e prodotti gastronomici tipici della regione. Un’idea perfetta per una gita fuori porta estiva, in alternativa al mare. Le malghe, poi, danno la possibilità a tutti i loro ospiti di comprare diversi prodotti lattiero-caseari, di pernottare nella struttura o di mangiare e bere qualcosa nei ristoranti presenti…

Sorgente: Malghe in Friuli: dove andare

Furlan Starter Pack

Sale l’attesa per Calici di Stelle – Il Friuli

Dal 2 all’12 agosto, 17 Città del Vino del Fvg si animano all’insegna dei brindisi… con il naso all’insù. Lunedì 22 la presentazione

Gran lavoro di sinergia per presentare insieme l’edizione 2019 in Friuli Venezia Giulia di Calice di Stelle, la grande manifestazione di mezza estate dell’Associazione nazionale Città del Vino e del Movimento del Turismo del Vino. Lunedì 22 luglio alle 11, nella sala Svevo della sede di Udine della Regione, alla presenza dell’assessore regionale al turismo e attività produttive Sergio Emidio Bini, 17 realtà sveleranno in conferenza stampa il programma dei loro eventi i quali uniranno la degustazione dei migliori vini delle zone Doc locali, in abbinamento con le specialità gastronomiche del territorio, a proposte culturali, dalla musica alle presentazioni letterarie fino alla visione del cielo d’agosto alla ricerca delle stelle cadenti. Il tutto con anche la preziosa collaborazione di PromoTurismoFvg.

“In contemporanea con il resto d’Italia …

Sorgente: Sale l’attesa per Calici di Stelle – Il Friuli

Dal Friuli alla Sicilia ecco come eravamo – Corriere.it

Da dove partire per parlare di Elio Ciol? Meglio sarebbe dal silenzio. Le sue fotografie non necessitano di commento. Ci accompagnano nelle vite degli altri. Realtà anche dure mediate dal garbo e dal talento. Le opere di Elio Ciol (nato nel 1929 a Casarsa, in Friuli) fanno parte delle collezioni del Metropolitan di New York, del Victoria and Albert Museum, dell’Art Institute di Chicago, del George Eastman Museum di Rochester. Il Museo MAMM di Mosca (il Multimedia Art Museum, diretto dalla leggendaria Olga Sviblova) gli dedica una sontuosa retrospettiva prodotta dall’Istituto di Cultura Italiano: 161 lavori scattati tra 1950 e il 1990. Elio Ciol. Dal Neorealismo ad Aquileia rimarrà nel cuore della capitale russa a beneficio dei turisti e dei moscoviti avidi di tutto ciò che concerne l’Italia fino al 26 luglio. Dagli anni della fioritura del cinema italiano legato ai nomi di Michelangelo Antonioni, Luchino Visconti, Giuseppe De Santis, alla produzione più recente: la serie dedicata al sito archeologico di Aquileia. Dal Friuli alla Sicilia, uno sguardo gentile sulla nostra Storia.

Sorgente: Dal Friuli alla Sicilia ecco come eravamo – Corriere.it

Friuli, il pane recuperato al sapore di mais

Saporito e profumato, il pan di sorc è una delle specialità più caratteristiche della regione friulana del Gemonese dove, dopo un lungo periodo di oblio, è stato recuperato grazie ad un progetto dell’Ecomuseo delle Acque che ne promuove l’antica ricetta seguendo un disciplinare che garantisce l’origine e la qualità del prodotto coinvolgendo tutti gli attori che intervengono nella filiera, dagli agricoltori ai mugnai, ai panificatori ed ai ristoriatori.

LA TRADIZIONE

Importante crocevia di genti e culture, Gemona ha rappresentato a lungo un passaggio obbligato per chi doveva raggiungere l’Europa centrale. Durante l’impero asburgico la cittadina friulana era una delle porte di accesso a Vienna oltre ad essere luogo di reclutamento di artigiani ed operai specializzati che venivano impiegati nei cantieri della capitale e spesso partivano per lavorare

Sorgente: Friuli, il pane recuperato al sapore di mais

Doc Friuli & Friends 2019: sono 41 i vini top della Doc Friuli – Eroi del gusto

Più di 100 le aziende partecipanti con oltre 300 campioni giudicati alla cieca da un panel di 12 giornalisti nazionali. Bilancio positivo per la seconda edizione dell’evento firmato dal Consorzio delle DOC–FVG UDINE. Quarantuno vini classificati ai vertici su 304 campioni presentati. 34 aziende selezionate su 102 partecipanti. 9 varietà sul calice. Sono questi i […]

Sorgente: Doc Friuli & Friends 2019: sono 41 i vini top della Doc Friuli – Eroi del gusto

Premio Alambicco d’Oro, il Friuli si è distinto alla grande – EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, champagne, viaggi e turismo

Si sa, alle volte sono di parte, non vado ad esaltare di mia iniziativa prodotti enologici e/o spiritosi che non siano di mio gradimento e non lascio spazio ad aziende per farsi pubblicità attraverso un mio banale articolo su queste pagine, ma in questo caso prevale l’amor patrio, e scusate se è poco.

Esplorando il medagliere dei vincitori dell’ultimo Premio Alambicco d’Oro, 36esima edizione, promosso da Anag, vedo che alla regione Friuli Venezia Giulia sono state assegnate ben 4 medaglie di primo piano: 1 Best Gold, 2 Gold e 1 Silver.

Hanno conquistato il podio tre Aziende storiche per le grappe friulane: la Domenis di Cividale del Friuli, la Butussi di Corno di Rosazzo e la Tenuta Antichi Mansi di Villanova di Farra d’Isonzo.Per la cronaca: Medaglia Best Gold nella categoria di Grappa Giovane alla “Special Edition Picolit” di Domenis1898, e Medaglia Gold a “Spirito – Grappa friulana Butussi” di Valentino Butussi soc. agricola / distillatore Domenis1898. Per la categoria Grappa invecchiata Medaglia Gold alla grappa “Secolo Riserva Barrique millesimata” di Domenis1898.Infine, Medaglia Silver per Grappa Giovane Aromatica alla Grappa di Moscato “Antichi Mansi”.

Sorgente: Premio Alambicco d’Oro, il Friuli si è distinto alla grande – EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, champagne, viaggi e turismo

Verso Friuli Doc: evento in Castello per ripercorrere 25 anni di storia – Messaggero Veneto Udine

È un’idea del Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei sapori. Riconoscimenti a chi rese possibile la prima kermesse.

Si chiamerà “Aspettando il 25esimo Friuli Doc” e si terrà il 12 giugno al Castello di Udine. L’ufficializzazione è arrivata ieri dalla giunta comunale, che ha dato l’ok all’iniziativa. L’idea è di Walter Filiputti che ha chiesto al Comune di far arrivare in Castello uno degli eventi promozionali del Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori. La proposta è stata fatta propria dall’assessore Maurizio Franz, che l’ha trasformata in una vetrina per i prodotti del ‘made in Friuli’ e per un’anticipazione di Friuli Doc. Accanto a una cena con i piatti della tradizione (evento che sarà a pagamento e con posti limitati, con il Consorzio che celebrerà il suo incontro annuale), l’evento vedrà la premiazione di chi, 25 anni fa, contribuì alla nascita di Friuli Doc.

Sorgente: Verso Friuli Doc: evento in Castello per ripercorrere 25 anni di storia – Messaggero Veneto Udine

‘We like bike’, San Daniele Friuli sarà capitale della bici – Friuli V. G. – ANSA.it

Dal 4 al 9 giugno San Daniele del Friuli (Udine) si trasforma nella capitale della bicicletta conl’edizione zero di ‘We like bike’, un evento interamente dedicato al ciclismo con un fittocalendario di competizioni in tutte le categorie, appuntamenti con … (ANSA)

Sorgente: ‘We like bike’, San Daniele Friuli sarà capitale della bici – Friuli V. G. – ANSA.it

Debutta la pièce “Invasioni”, il corpo di donna nelle due guerre

Lo spettacolo prodotto da Molino Rosenkranz perno del festival teatrale “Sulla nuda pelle”

Debutta giovedì 30 maggio a Castions di Zoppola lo spettacolo “Invasioni – Il corpo della donna come campo di battaglia nelle guerre del ‘900”, nuova produzione di Molino Rosenkranz e perno del festival “Sulla nuda pelle” che porta il teatro nei luoghi della Grande guerra.

Zoppola, luogo denso di significato non solo perché è la sede di Molino Rosenkranz, ma perché ha dato i natali al cardinale Celso Costantini cui si deve il primo “Istituto per i figli delle guerra” fondato nel 1918 proprio a Castions per accogliere i bambini frutto dell’odio e della violenza: un legame molto stretto, quindi con il tema affrontato, un’ unica storia narrata a più voci per raccontare come nelle guerre che hanno attraversato l’intero ‘900 il corpo della donna sia stato usato, appunto, come campo di battaglia.

Sorgente: Debutta la pièce “Invasioni”, il corpo di donna nelle due guerre